fbpx
Come promuovere sul web un sito adult

Come promuovere sul web un sito adult

Promuovere un sito adult sul web non è un’operazione semplice giacché spesso da molti browser vengono considerati come dannosi a causa dei virus e malware che solitamente infestano le pagine di questi siti. Ma qualora si volesse promuovere sul web un sito adult pulito e col solo scopo di mostrare contenuti per adulti, come si può fare?

Anzitutto, come per qualsiasi categoria, bisogna curare la SEO (Search Engine Optimization) ossia quel meccanismo che permette ai motori di ricerca di riconoscere i contenuti presenti sul quel dato sito e proporli agli utenti che li ricercano su Google o altri servizi di ricerca.

Curare la SEO di un sito adult

La SEO è un argomento sempre difficile da trattare, sia da mettere in pratica sia da spiegare. In poche parole, bisogna inserire all’interno delle pagine del sito alcune frasi o parole chiave, dette appunto keywords, le quali hanno il compito di agganciarsi alla ricerca effettuata dal’utente e indirizzarlo verso le proprie pagine piuttosto che quelle di un altro sito. Ma come si fa a convincere Google a mostrare il proprio sito prima degli altri?

Prima di pensare alla SEO bisogna sapere che un sito necessita di un hardware per poter essere visualizzato su internet, ovvero di un server, ossia una macchina nella quale contenere tutti i file e i dati del sito, e di un dominio, che consente di trovare il sito semplicemente digitandolo nella barra di ricerca del browser.

Per i siti adult (e non solo), è consigliato scegliere un dominio contenente una keyword di interesse (ad esempio incontri.es), in modo da facilitare il posizionamento per alcune query.

Se il server offre alte prestazioni e tempi di risposta minimi, allora sarà in grado di rispondere velocemente alle richieste dell’utente e Google darà precedenza alle pagine che rispondono in tempi più brevi. Ecco perché la scelta del giusto server è importante.

Una volta stabilito qual è il migliore server per il proprio sito, si può passare al caricamento delle pagine e cominciare a impostare i vari contenuti. È in questa fase che si può curare la SEO. Facile, si potrebbe pensare: basta mettere parole chiave a tappeto e Google porterà il sito tra i primi risultati.

Purtroppo non funziona così, anzi, riempiendo il sito con continue ripetizioni di parole chiave si rischia d’incorrere nell’effetto stuffing, ossia imbottire le pagine a discapito della correttezza della sintassi e di tutto il resto. Google penalizza questo metodo spingendo verso il basso o non mostrando del tutto il sito tra i risultati di ricerca.

Per promuovere sul web un sito adult dunque bisogna scrivere bene, in maniera corretta e ponendo le parole chiave al momento giusto e nel posto giusto, con la giusta proporzione tra lunghezza del testo e keywords (mediamente 2-3 parole chiave ogni 300 parole). Inoltre bisogna diversificare e utilizzare sinonimi e parole chiave alternative.

Esistono un paio di metodi basilari e molto semplici per cercare le parole chiave da inserire: il primo prevede di pensare come un utente e chiedersi cosa scriverebbe sul motore di ricerca per cercare i proprio contenuti; il secondo invece, prevede l’uso di Google digitando sulla riga di ricerca la parola chiave che si vuole inserire, visualizzando un elenco di parole chiave alternative o di completamento tra i suggerimenti dello stesso motore di ricerca.

Backlink, forum, blog e social di un sito adult

Scegliere il giusto hardware e impostare correttamente la SEO non significa avere un vantaggio assoluto sulla concorrenza: bisogna promuovere il proprio sito affinché venga conosciuto anche da chi non lo cerca.

I backlink sono una sorta di sponsorizzazione su altri siti che rimandano l’utenza verso le proprie pagine. Fino a qualche tempo fa era un’operazione che dipendeva in buona parte dal webmaster, il quale, con una buona opera di link building, riusciva nell’intento di portare più utenza. Oggi con i sistemi Panda e Penguin di Google, questa operazione viene penalizzata.

I metodi che oggi sono validi per promuovere con successo un sito adult sono il link baiting, non dipendente dal lavoro del webmaster, il quale però può provare a favorirlo; la presenza su forum e blog del settore e infine, i canali social, nei quali tuttavia bisogna muoversi con cautela e sfruttare quelle falle nei loro regolamenti, affinché i profili e la pagine create non vengano bloccate o chiuse.

Se vuoi approfondire l’argomento, ti consigliamo di leggere il nostro articolo “Come fare SEO sui siti adult“.

Lascia un commento