fbpx
Come l’email marketing aumenta la qualità dei visitatori di un sito web

Come l’email marketing aumenta la qualità dei visitatori di un sito web

Posizionando un sito web sui motori di ricerca si ottengono visitatori interessati proprio all’argomento trattato all’interno della pagina posizionata. Questo sicuramente è ottenere traffico in target. Ci sono però delle variabili da tenere in considerazione. Una di queste è il fatto che spesso gli utenti non tornano sul sito semplicemente perché questo non è ben posizionato per altri argomenti affini a quell’utente. Allora come, l’email marketing può dare valore agli utenti migliorando anche la qualità del traffico?

Benefici dell’email marketing sulla SEO

Facendo dei test con la piattaforma italiana 4Dem, è emerso che le statistiche di apertura delle email sono molto interessanti.

Inviare email con le quali si comunica la presenza di nuovi contenuti sul sito inserendone una piccola anteprima ed una Call To Action che inviti a leggere il contenuto intero, porta anche gli utenti che hanno visitato una sola volta il sito a diventare lettori abituali. Fin qui, nulla di speciale. Il dato interessante è legato al rapporto che si crea tra il sito e i suoi lettori.

Un utente che vuole ricevere le newsletter, ci sta dichiarando di far parte proprio del nostro target. Inviandogli quindi i nuovi contenuti si crea una base solida di utenti. Tramite la newsletter ad esempio gli utenti iniziano a memorizzare il nome del sito generando sui motori di ricerca chiavi brand (ricerche legate al nome del sito) e visite derivanti da persone che scrivono direttamente l’url nel browser.

In cosa si possono tradurre le statistiche appena nominate? Sicuramente in notorietà del sito, e la notorietà genera una serie di altri avvenimenti benefici per la SEO e per la qualità del traffico come backlink naturali, condivisioni sui social network e menzioni su forum di settore.

Inoltre, se il sito viene monetizzato, un pubblico maggiormente in target genera sicuramente guadagni più alti.

Come portare il maggior numero di utenti dalla casella email al sito

Per fare in modo che quanto detto prima non resti solo una strategia ma diventi realtà, ci sono dei tips per far funzionare tutto al meglio.

Form brevi e CTA attraenti

Il primo consiglio riguarda il punto d’ingresso alle liste di email marketing.

Il form deve richiedere solo i dati strettamente necessari così da non richiedere tempo per la compilazione, per le newsletter ad esempio nome e email sono più che sufficienti.

Riguardo alle Call to Action invece, basta evitare forme poco creative e possessive come “iscriviti alla nostra newsletter” e preferire testi come “Rimani aggiornato sui nuovi contenuti” o “Non perderti i prossimi contenuti”.

Contenuti in target

I contenuti delle e-mail devono rispecchiare la promessa fatta all’utente al momento dell’iscrizione. Se un utente si iscrive alla lista di un sito sul digital marketing, non avrà assolutamente senso inviare una email che parla di viaggi.

Frequenza di invio

La frequenza di invio in una strategia di email marketing è molto importante, serve trovare il giusto equilibrio.

Se si pubblicano contenuti nuovi ogni giorno per esempio, non sarà salutare inviare una email al giorno a meno che non si tratti di un sito di news. In altri casi una newsletter settimanale sarà più che sufficiente.

In molti altri casi la frequenza ideale è di 1 o 2 e-mail al mese. Questo vale molto di più per siti che non pubblicano contenuti ogni giorno e non trattano argomenti con una vita molto breve come le news dell’esempio precedente.

Anteprime coinvolgenti nelle email

I contenuti che si inviano tramite email devono essere pensati ad-hoc. Serve creare un’anteprima coinvolgente che porti l’utente vicino al succo della questione per poi rimandarlo al contenuto intero all’interno del sito.

Questi sono i principali accorgimenti che bisogna seguire per fare dell’email marketing efficace e con delle conseguenze positive anche sulla SEO e quindi sul posizionamento di un sito web.

Lascia un commento