5 regole per creare un e-commerce di successo

5 regole per creare un e-commerce di successo

Fino a qualche tempo fa in tanti credevano che vendere sul web fosse una moda passeggera e di breve durata.

Oggi, molti hanno dovuto ricredersi visti i numeri in continua crescita che ogni anno fa registrare il commercio in rete.

Risultati che, una volta di più, fanno capire quanto la vendita online rappresenti un’opportunità enorme per i commercianti del fashion retail.

Le ragioni sono tante e valide:

  • dare maggiore visibilità alla propria attività in modo completamente gratuito;
  • raggiungere potenziali clienti in tutto il mondo, superando i limiti del negozio fisico
  • assecondare le nuove modalità di acquisto degli utenti in rete, trovando la chiave per aumentare vendite e guadagni
  • avere un canale di vendita alternativo al negozio fisico, dove smaltire le giacenze di magazzino ed eliminare il rischio di invenduto.

Il fatto che il commercio online vada sempre più forte, tuttavia, non significa che chiunque comincia a vendere in rete ottiene successo, anzi, è proprio il contrario!

Secondo un recente studio, quasi il 90% degli e-commerce chiude nel primo anno di attività perché, in fase di lancio, non sono state studiate le giuste strategie di vendita o non è stata fatta un’analisi approfondita del mercato di riferimento.

Quindi, per evitare di ritrovarsi nella stessa spiacevole situazione, è bene conoscere le 5 regole per creare un e-commerce di successo.

1. Registrare l’e-commerce

Appena messo in rete l’e-commerce si è su di giri e non si vede l’ora di partire…

Ma è sicuro che il sito sia in regola per vendere sul web?

Non tutti gli imprenditori impegnati nella gestione e-commerce, infatti, sanno che per aprire un negozio virtuale è necessario seguire le regole dettate dalla normativa per il commercio online.

E quali sono queste regole?

Per prima cosa bisogna aprire una partita Iva apposita per l’attività commerciale e poi iscriversi sia all’INPS che alla Camera di Commercio.

2. Fare un’analisi di mercato

In rete è molto facile trovarsi di fronte a migliaia di articoli che spiegano quali sono i migliori settori di mercato per vendere online.

Tuttavia, se stai cercando informazioni su come gestire un e-commerce, meglio evitare di leggerli perché nessuno ha ragione!

Il motivo è semplice: il settore migliore per vendere online è quello che si conosce più a fondo delle proprie tasche.

Questo significa che per vendere e guadagnare cifre da capogiro sul web bisogna conoscere alla perfezione il proprio prodotto, sapere cosa vogliono i clienti, come comunicare con loro e tenere sotto controllo il comportamento della concorrenza, senza che questo ostacoli il raggiungimento del proprio obiettivo di business.

Infatti, uno degli errori più gravi in cui cade chi inizia a vendere online è fare copia/incolla dei concorrenti di successo, scegliendo gli stessi brand e gli stessi capi, vendendoli ad un prezzo più basso con la convinzione di “rubargli i clienti”.

Non esiste idea più sbagliata!

Gareggiare con i concorrenti in questo modo è difficile, rischioso e non porterà nessun risultato perché ciò che premia chi vende online è l’unicità, la capacità di differenziarsi dagli altri per la varietà dell’offerta, la scelta del target di riferimento e la sicurezza del servizio offerto.

3. Definire la strategia di vendita

Immagina che domani ti proponessero di scalare l’Everest.

Ci riusciresti?

Probabilmente no perché, a meno che non sia uno scalatore esperto con decine di anni di esperienza alle spalle, non hai un piano d’azione preciso, né tantomeno gli strumenti adatti per affrontare l’impresa.

Lo stesso discorso vale per la vendita online.

Nel gestire e commerce, per prima cosa, è necessario pensare ad una strategia di vendita in linea con gli obiettivi prefissati, quelli che si vuole ottenere dal proprio shop virtuale.

Occuparsi di trovare i migliori strumenti che possono aiutare a raccogliere certi risultati e chi li può fornire, circondarsi di un team di collaboratori capaci, che rema nella stessa direzione e con il quale condividere la propria visione è la prima cosa da fare.

4. Scegliere la piattaforma giusta

In rete esistono migliaia di siti e-commerce, ma non tutti vengono sviluppati allo stesso modo.

Ci sono decine di piattaforme a disposizione di chi vende online, ognuna con le sue caratteristiche, i suoi pregi e i suoi difetti.

Anche in questo caso, come per la scelta dei migliori settori di mercato per vendere, è praticamente impossibile dire con assoluta certezza quale sia la piattaforma e-commerce n°1.

Il consiglio, ancora una volta, è scegliere quella che permette di ottenere risultati concreti e centrare gli obiettivi prefissati, magari offrendo più opzioni per il mercato di riferimento.

5. Non trascurare il web marketing

Come per la vendita in negozio, anche per l’online bisogna essere bravi a farsi notare e differenziarsi dagli altri siti presenti in rete.

Nessun prodotto e nessun e-commerce è un’entità magica, capace di vendere “da sola” senza il minimo sforzo.

Nel web è fondamentale, più che nel punto vendita fisico, farsi trovare con facilità, mettendo in mostra la propria offerta per costruirsi un’immagine e una reputazione che portino i clienti a fidarsi.

Per tale ragione, è importante impegnarsi nel pubblicizzare la propria attività attraverso azioni di web marketing mirate, per comunicare e offrire il miglior servizio possibile al pubblico.

E per farlo ci sono a disposizione tre elementi fondamentali:

  • i social network, con l’inserimento di pixel appositi all’interno di ogni pagina del sito in modo da tracciare il percorso d’acquisto degli utenti;
  • la SEO, inserendo per ogni prodotto un title, una description e un H1 che permetteranno al sito di indicizzarsi all’interno delle pagine di ricerca web, contribuendo a migliorare anche la User Experience (potrebbe interessarti il nostro articolo: “Investire nella SEO è fondamentale per un sito e-commerce“);
  • le landing pages, finalizzate a raccogliere gli indirizzi mail e i numeri di telefono dei potenziali clienti con i quali creare le diverse liste di utenti.

Queste sono solo alcune delle regole di base sul come creare un e-commerce di successo senza rischiare di doverlo chiudere in pochi mesi.

Si tratta di suggerimenti da mettere in pratica sia se si sta pensando di aprire un e-commerce sia se ne possediamo già uno e si vuole utilizzarlo al massimo delle proprie potenzialità.

Tuttavia, è estremamente consigliato avere alla base di un e-commerce un software gestionale integrato come MagicStore, che garantisce una conoscenza in tempo reale della disponibilità dei prodotti senza alcun tipo di errore.

Lascia un commento