25

febbraio

Come inserire un sito nei motori di ricerca e attirare Googlebot

Pubblicato in SEO

googlebot-motore
Da quando è iniziata la mia esperienza come moderatore della sezione “Indicizzazione” del Forum di Giorgio Tave, noto che spesso gli utenti chiedono se è normale che il loro sito dopo settimane dalla pubblicazione non sia ancora presente tra i risultati di Google.

Bisogna ammettere che Google non brilla per velocità in questa operazione, quindi la cosa migliore è cercare di farsi notare da Mr G prima possibile.

In che modo? La procedura standard prevede:

  • Segnalare il sito a Google, attraverso la pagina addurl e inviargli la vostra sitemap.xml tramite gli Strumenti per WebMaster
  • Avere link verso di voi da siti già indicizzati e dai profili dei vari social network

Anche dopo queste operazioni, prima che Google vi inserisca tra i suoi risultati passano diverse settimane (ovviamente se siete linkati da più siti sopratutto se con PR medio-alto il tempo si ridurrà drasticamente).

Se però non avete pazienza di aspettare, esistono alcuni metodi che dovrebbero attirare prima il crawler di Google verso il vostro sito.

L’unico metodo che ho sperimentato e ha funzionato è quello di inserire un link verso Google dalla home page del sito che volete segnalare e cliccarlo. In questo modo il server web di Google registra il referrer, ovvero l’url da cui proviene la visita, e lo spider potrebbe partire per esaminare la pagina a lui sconosciuta. Dopo questa operazione il link può essere anche cancellato, ma io preferisco tenerlo fino a quando il sito non viene indicizzato in modo da poter cliccare altre volte e mandare più referrer a Google.

Esistono anche altri metodi che permettono di velocizzare l’inserimento del sito.
Tra questi i più noti sono:

  • effettuare una ricerca su Google inserendo come termine l’indirizzo del sito web da segnalare (es. www.miosito.it)
  • visitare il vostro sito web e cliccare sul faccino sorridente della toolbar di Google (naturalmente se non avete la toolbar dovrete installarla).
  • Inserire l’url in una mail di Gmail
  • Inserire l’url in una discussione in Gtalk
  • Inserire l’url in un cinguettio di Twitter

Di questi metodi io non assicuro l’efficacia perchè personalmente non mi hanno portato risultati, infatti spesso si tratta di leggende metropolitane, ma in giro per il web si dice di persone che dopo pochi minuti dall’utilizzo di questi escamotage hanno ricevuto una visita da parte di Googlebot. E come si suol dire provare non costa niente!

Iscriviti ai feed Rss

Ti è piaciuto questo articolo?

SI

Iscriviti ai Feed RSS, magari ti piaceranno anche i prossimi

NO

Iscriviti ai Feed RSS, prima o poi ne scriverò uno che ti piace

Scrivi per yesWEBcan

Diventa un autore

Vuoi dare risalto alla tua professionalità e farti conoscere sul web? Segnalami quali argomenti ti piacerebbe trattare e inizia a scrivere per yesWEBcan.

Salvatore Sodano

Autore: Salvatore Sodano

Salvatore inizia a svolgere l’attività di web designer nel 2001 alla quale poco dopo affianca quella di graphic designer. Negli ultimi anni la passione per Seo e web marketing prende il sopravvento e lo spinge a curare oltre all’estetica dei siti anche ottimizzazione, posizionamento per i motori di ricerca e usabilità. Contatta Salvatore

RSS Commenti

13 commenti

  1. Famba scrive:

    Nono conoscevo o non avevo pensato alla maggior parte di questi “èscamotage” e li trovo molto interessanti! Forse come dici tu non funzionano al 100%, ma sicuramente se dopo tutte queste operazioni il proprio sito non è indicizzato da lmotore, quanto meno lo conosceranno molte nuove persone =D

  2. aledesign.it scrive:

    Ho provato e tutt’ora vedo comunque visite tramite lo scambio di link e post vari. Naturalmente il primo passo da te descritto è il migliore. In ogni caso..tenatr non nuoce no?

  3. Filippo A. scrive:

    Alcune delle procedure da te descritte non sono di provata efficacia, comunque la mia esperienza mi ha insegnato che basta una segnalzione attraverso l’apposito form più un link da un sito indicizzato e scansionato da google con periodicità :)

  4. After Dinner scrive:

    Io ho un esperienza minima nel settore e con un dominio nuovo e un sito nuovo non linkato da nessuna parte ho avuto visite da google molto prima di quanto pensassi, non avevo ancora montato tutto il sito e stavo ancora modificandone alcune parti quando ho installato analytics, con mia fgrande sorpresa google mi mandava gia delle visite! Ora a distanza di 20 giorni ho risultati impensabili e mi trovo posizionato in molte serp. Il tutto prima di mandare e addirittura di creare la sitemap. Complimenti Andrea

  5. Per farmi conoscere invio ad ogni aggiornamento di pagine la sitemap e ho riscontrato un aggiornamento in tempi rapidi su google, per i blog è lo stesso o basta comunicare che gli aggiornamenti sono quotidiani?
    Grazie

  6. yesWEBcan scrive:

    Scusa viserbella solo ora mi accorgo che la tua era una domanda. Per i blog è lo stesso, ad ogni aggiornamento si invia la sitemap aggiornata. Per farlo con WordPress io utilizzo un plugin che invia automaticamente la sitemap a google ogni volta che pubblico un nuovo articolo

  7. Stefano scrive:

    salve a tutti mi chiamo stefano e ho aperto da poco il mio sito internet e vorrei mettro nei motori di ricerca pero non so come fare qualcuno mi puo aiutare.

  8. Pagaio scrive:

    Segnalo un servizio che gratuitamente aggiunge la vostra url su 224 motori di ricerca:
    http://pockurl.com/seo/

  9. monica scrive:

    articolo molto interessante, grazie per le informazioni, proverò a seguire

  10. Hey, I think your blog might be having browser compatibility issues.
    When I look at your blog site in Opera, it looks fine
    but when opening in Internet Explorer, it has some overlapping.
    I just wanted to give you a quick heads up! Other then that, terrific blog!

Lascia un commento

* Campi obbligatori